Punta Pian Spigo

Sabato 24 marzo, un giorno senza programmi. Ovvero un giorno adeguato per andare sulla Punta Pian Spigo, 2520m, già salita lo scorso anno in inverno. Siamo in Val Grande di Lanzo: partenza da Vonzo, nel Vallone della Paglia. L’idea iniziale è di salire al Passo del Bojret, scendere all’omonimo lago nel Vallone di Cambrelle (Valle Orco), risalire al Colle della Forca e per la cresta Nord alla Punta Pian Spigo.

Arrivo al Passo del Bojret (2330m) tra alcune nuvole, un frizzante vento orientale e in totale assenza di neve. Che oltre ad essere mancata tutto l’inverno, continua a mancare anche ora, in primavera, ed anche ad alta quota. Tento di scendere al lago del Bojret, ma il versante settentrionale del passo è stato spazzato dal vento. Il sentiero si snoda su alcune strette cenge ricavate sul baratro che sprofonda nel Vallone di Cambrelle. Qui la neve c’è, ed è anche abbondante. Circa un metro e mezzo, accumulata a casaccio, ed assai crostosa. Faccio alcuni passi, sembra tenere; ma è ghiaccio, scivolo e precipito verso il baratro. Pochi metri e la crosta cede, finisco in un buco fino ai fianchi. Ne riesco a fatica e ritorno sui miei passi verso lo spartiacque. La neve crostosa risuona fragorosamente sotto i piedi.

Sono solo e ho pure dimenticato a casa il telefono. Decido di proseguire per il tranquillo spartiacque tra il Vallone della Paglia e il Vallone di Cambrelle. E` la cresta orientale della Punta Pian Spigo, che seguo tenendomi di alcune decine di metri sul versante meridionale, per evitare biforcazioni cieche della cresta. Per chi capita di qui consiglio di tenere come riferimento un grosso ometto, da lasciare sempre sulla propria sinistra e poi in basso. Non c’è sentiero, solo esili tracce che si perdono nell’erba e a tratti nelle pietraie. Ma l’itinerario è facile e privo di difficoltà. Arrivo in vetta accolto dal sole, ma nuvole minacciose si addensano sulla frontiera. Anche sul versante meridionale del Monte Tovo, ad oltre 2700m di quota, la neve è assente.

Pochi minuti di sosta e mi avvio verso Vonzo, seguendo l’ampia cresta Sud. Tra erba e blocchi di gneiss solcati da bianca quarzite ritorno fino al limite dei boschi. Al Roc d’la finestra recupero il sentiero che mi porta fino alle case.

Nel pomeriggio inizia a nevicare, ma non fa freddo e la temperatura è di diversi gradi sopra lo zero. Certo però ben più freddo che a gennaio, quando si stava in maniche corte! Entro la sera successiva a 1200m di quota ci sono già 30cm di neve, e dove la temperatura è sotto zero è probabile che il manto nevoso sia ben più spesso. Domenica si sta in casa al caldo. Ora, finalmente, sembra inverno. Ma la primavera è arrivata.

Foto: sabato 24 marzo

PiloneRiferimento CRW_4689 CRW_4688 CRW_4687 CRW_4686 CRW_4685 CRW_4684 CRW_4683 CRW_4682 CRW_4681 CRW_4680 CRW_4678 CRW_4676 CRW_4675 CRW_4674 CRW_4673 CRW_4672 CRW_4671

Domenica 25 marzo:
CRW_4697 CRW_4695 CRW_4691 CRW_4690

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in vette. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...