To the faithful departed

Quello che consiglio oggi è un altro esempio di musica da primo novembre, alla Guccini per intenderci.

To the faithful departed si potrebbe forse tradurre in qualcosa tipo “ai nostri cari”. Gli autori sono il noto gruppo irlandese The Cranberries, ma per la precisione l’autrice è una sola, Dolores O’Riordan. Essendo irlandese il lavoro è pervaso da un sapore molto cattolico. Tuttavia si tratta di un album riuscito, con atmosfere profondamente riflessive e autunnali. Le canzoni migliori non sono necessariamente quelle più famose e spinte dal mercato. Molto sentite sono ad esempio War Child e Bosnia, begli esempi di canzoni contro la guerra, qualunque guerra e soprattutto quella che colpisce gli innocenti, i bambini.

Un album a tema, sicuramente, in questo ricorda un po’ certi lavori anni ’70 per cui un LP doveva contenere canzoni “impegnate“, con un preciso argomento o filo logico. L’argomento è il ricordo di chi non c’è più, cosa c’è dopo (where are you now? – And I hope you are gone to a better place). Ancora il ricordo, nostalgico, di episodi del cammino e momenti felici passati, quasi fotografici (will you remember the dress I wore?). Il vuoto in chi resta (I try to remain, I’m trying not to go insane). Il momento più lirico è forse nell’arpeggiante Joe. Non mancano certo i luoghi comuni (They say that good people are always first to drop), ma nel complesso si tratta forse del miglior album di questo gruppo, da ascoltare in una grigia meditabonda giornata di novembre.

Chiudo con una strofa di Guccini tratta dalla Canzone dei dodici mesi.

Cala Novembre, e le inquietanti nebbie gravi coprono gli orti:
lungo i giardini consacrati al pianto si festeggiano i morti.
Cade la pioggia, ed il tuo viso bagna di gocce di rugiada,
te pure, un giorno, cambierà la sorte in fango della strada.

F. Guccini

Annunci

2 thoughts on “To the faithful departed

  1. This is a prayer for the souls of departed
    those who’ve gone and left ther babies brokenhearted
    young lives over before they got started
    this is a prayer for the souls of departed

    B. Springsteen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...