Canalone Lourousa

Il canalone appena salito

Canalone Lourousa, dall'alto.

Ovvero la nord al Colletto Coolidge, la più classica e nota ascensione glaciale delle Alpi Marittime. Tento più volte di dissuadere Gfb dal salire proprio quel canale, in favore di qualche altra classica a  quote più elevate (odio la neve acquosa), ma il socio è fortemente attratto dal quell’ambiente.

Arrivando alla conca del Lagarot la visione del canalone è superba. Una ininterrotta lingua di neve di 900m scende dal Colletto Coolidge. Una visione tanto più impressionante quando osservo le lapidi di chi non è tornato! Distratto da queste visioni perdo di vista Gfb, che sale al Bivacco Varrone senza aspettarmi. Lo cerco per delle ore nelle chiare acque del Lagarot, poi nell’incertezza salgo al Bivacco dove lo trovo in panciolle ad aspettarmi. Le solite cose assurde che mi succedono solo su questo settore delle Alpi.

Il bivacco è molto accogliente, ciononostante nella notte ho un incubo in cui sogno d’avere un incubo, mi devo risvegliare recursivamente dai vari cicli annidati per tornare alla realtà. La visione del canalone resta un po’ impressionante! Esprimo dubbi sulla qualità della neve e la temperatura elevata, ma Gfb non mi dà neanche retta.

C’è poi da dire che dopo una prima parte un po’ acquosa e cedevole la salita diventa interessante. Ci vuole un po’ di concentrazione perchè non si può fare assicurazione in questa neve, inoltre l’itinerario è lungo e prima si esce meglio è. A tre quarti del canale la neve è davvero bella e comincio a divertirmi. Il socio si tira tutto il canalone, ma apprezza fermarsi ogni minuto obbligandomi a resting assai poco piacevoli sui polpacci. Per un errore tattico mi son portato l’ingombrante reflex, così non posso utilizzarla per delle foto lungo la salita. Alle 8h45′ siamo in punta, dopo circa 3h30′ di salita in canale.

Finalmente l’uscita sul colletto, che pare non arrivare mai! La giornata si mantiene calda e bellissima. Ci toccano ora cinque doppie tradizionali di 25-30m. Chiodi buoni, ma a volte piantati nella terra, ci riportano su un ripido nevaio. Soste comunque abbastanza sicure. Dall’anno scorso non son più capace a scendere i nevai, ci metto parecchio ma alla fine sono in fondo anche al nevaio. Inizia una lunga traversata-ravanata verso il Passo del Porco. Molto importante non perdere il sentiero per evitare perdite di tempo e di senno. Dal Porco si arriva al Chiapous praticamente senza alcuna risalita. E da qui ci aspetta un lungo cammino verso Terme di Valdieri.

Gran gitone, con rientro lungo e laborioso che toglie un po’ di fascino complessivo, ma senz’altro si tratta di un’esperienza piacevole e indimenticabile per gli ambienti aspri e selvaggi che si attraversano.

Maggiociondoli

Salita nella foresta di profumati maggiociondoli

Lourousa

Canalone Lourousa

Lourousa

Ancora uno scatto allo sviluppo del lungo canale nevoso.

Lagarot

L'incentevole conca del Lagarot

Lagarot

Ahimè ci sono anche delle lapidi

Varrone

L'arrivo al Bivacco Varrone

Mollusco di colore

Mollusco di colore.

Partenza

Pronti a partire!

Colletto Coolidge

...ed eccoci arrivati!

Argentera

Classica foto all'Argentera

Chiotas

Lago Chiotas

Ritorno al Chiapous

Sulla spalla di destra il poco intuibile Colle del Porco

Colle Chiapous

Eccoci anche al Chiapous. Ambiente ovunque molto selvaggio e aspro.

Colle Chiapous

Siamo arrivati anche qui. Alla prossima!

Annunci

4 thoughts on “Canalone Lourousa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...