Ciavanis a dicembre

Bellavarda

L'Uja di Bellavarda vista dal Ciavanis.

Queste corte giornate di dicembre hanno sempre un sapore molto particolare, infondono calma e intimità con il paesaggio. Fa caldo, nonostante le nuvole che si contendono il cielo in modo irregolare e dinamico. In basso la valle appare invece indifferente a tali giochi, ormai addormentata in un eterno crepuscolo.

C’è davvero poca neve, non servono nemmeno le racchette per arrivare alla chiesetta posta a 1890m. Gli sci nemmeno parlarne. E la poca neve è ridotta ad un bagno di ghiaccio fondente. Il sole penetra talvolta tra gli strati nuvolosi, regalando improvvise onde di tepore. A dicembre è tutto improvviso, tutto dura poco, a partire dal giorno. Quando è bene illuminata la neve pare una glassa al limone che copre tanti bignè.

Mi soffermo un attimo respirando tutta quella tranquillità, spiando il gioco delle nuvole attorno al sole. Poi inizia una discesa molto divertente, di corsa, lasciando i piedi scivolare sulla neve inconsistente. A Vonzo, al ritorno, le nuvole se ne sono ormai andate, il libeccio è svanito e si è sostituito un lucido mistral. Anche il sole se n’è già andato, l’8 dicembre fa sera presto.

Il significato

Rieccoci

La traccia

La traccia

neve e nuvole

Le nuvole

neve e nuvole

Vette, nuvole, cristalli di neve.

Bellavarda

Il consueto apparire

neve e nuvole

Visioni di luce

Annunci

3 thoughts on “Ciavanis a dicembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...