Cresta Kuffner

Mont Maudit – spalla NE

È fuor di ogni dubbio che le creste del Monte Bianco siano tra le più belle che si possano trovare sulle Alpi. Tra di esse, la cresta Kuffner, che collega la Tour Ronde alla spalla nord-est del Mont Maudit, rappresenta uno di quegli itinerari citati ad esempio per cosa possa riservare questo ambiente in quanto a bellezza e tipo di scalata. Le classiche foto della mezza luna, un tratto della cresta, hanno fatto il giro del mondo non solo sulle riviste di settore come generico simbolo di cosa riserva la bellezza del Monte Bianco.

Una salita a lungo pensata e sempre non considerata per tanti fattori. Si tratta di una progressione su misto per oltre 1000m di dislivello, con difficoltà abbordabili, ma continue (III-IV con ramponi e tratti fino a 60° su neve). Il ritorno è molto lungo in quanto occorre scendere la normale al Maudit sull’itinerario “3 monts Blanc” e rientrare al Torino. Inoltre lo sviluppo severo della cresta non consente un ritiro verosimile: una volta iniziata va portata a termine.

Se presa in buone condizioni lo sviluppo è tecnicamente divertente, con bei pendii di neve alternati a fantastici speroni di granito proteggibili a proprio piacere. Divertente e appagante, dopo circa 1000m di questo tipo di ambiente ne sarete soddisfatti e ne avrete basta. La spalla NE, punto terminale della cresta a 4336m apparirà come il felice, storico traguardo di una indimenticabile giornata. Potrei continuare a parlare di gradi, dettagli, appigli, ma sarebbe troppo diminutivo. Non è certo per il grado e per le difficoltà che si scelgono queste salite, ma per essere con gli amici migliori tra questi elementi e vivere ogni attimo questa incredibile esperienza in montagna. Le luci dell’alba, i profili delle montagne, lo sviluppo della cresta, i torrioni di granito, le grandi cornici di neve… quanti scenari riserva la montagna a chi sale su di qui.

Orograficamente la cresta Kuffner separa il Cirque Maudit dal versante Brenva. La salita riserva quindi una spettacolare visione su questi diversi versanti del Bianco. Da una parte l’arete du diable e il Tacul, dall’altra un continuo boato di crolli in un caos glaciale senza fine dominato da seracchi impressionanti.

Siamo saliti per l’attacco diretto su ottima neve e pochissimo ghiaccio aggirando una superterminale. L’attraversamento della mitica Androsace ha dato da fare. Nel primo pomeriggio continui temporali e una nevicata hanno rallentato la salita; dalla spalla NE in piena nebbia siamo ridiscesi direttamente verso la spalla del Tacul. Giusto in tempo per assistere ad un indimenticabile tramonto. Segue una… gradevole passeggiata defaticante (?!) al chiar di luna verso il Gran Flambeau, miraggio di continue allucinazioni tra seracchi con redivive Androsace che spuntavano a sbarrare la strada…

Attacco diretto

Attacco diretto, è ancora buio, ma siamo già partiti un paio d’ore dopo alcune cordate che ci precedono…

Inizia la cresta

Arriva la luce e inizia la cresta!

Fantastici pendii

Dopo un terribile canalino verglassato iniziano bei pendii di neve e roccia.

Su roccia

Prima dell’alba la neve è gelata e si può salire agevolmente in conserva.

Su neve

L’arrivo sulla “mezza luna”, il tratto di cresta più fotografato delle Alpi

Sulla cresta

Eccoci sulla mezza luna!

Androsace

Ma ora ci aspetta il temibile aggiramento della Pointe de l’Androsace..!

La mezza luna

Ancora la mezza luna, il cui traverso è uno dei pochissimi tratti facili della salita

A spasso sull'Androsace

E` finito l’aggiramento dell’Androsace..!

Un bel granito!

Seguono ripidi pendii su granito e neve.

Arete du diable

Arete du diable

Aiguille Blanche

Aiguille Blanche con elicottero!

Attenti al cornicione!

Gli elementi sfuggono alla nostra comprensione.

Parte alta

Inizia a nevicare nella parte alta della scalata

Terminale del Maudit

La confortevole discesa riserva tuttavia il salto della terminale del Maudit!

Tramonto

Tramonto sotto il Tacul

Ringrazio Giorgio e Paola, amici straordinari per una salita strordinaria; con loro la giornata è stata ogni attimo piacevole e fantastica, anche quando cominciava a nevicare.

Annunci

23 thoughts on “Cresta Kuffner

  1. mi aspetto che qualche miserabile sputasentenze salti fuori, magari a dire che non l’hanno fatta proprio pulita, che hanno usato un anello di corda di troppo e così via. ciao

      • Sicuramente non le faccio, io mi accontento di andare al Monte Soglio.Non sono mai stato in grado di salire in certi luoghi, ti dirò, nemmeno al rifugio Torino in funivia perchè mi sento male, e poi soffro di vertigini. Quindi tendo a mitizzare, hai ragione.
        Se vorrai poi spiegarmi la concezione sana dell’alpinismo, te ne sarò grato.
        Comunque firmati, o forse non serve nemmeno. Hai già risposto all’appello quando ho chiamato in causa i miserabili sputasentenze.

  2. E’ un peccato che post appassionati che hanno per unico scopo trasmettere le emozioni di chi pratica montagna, siano rovinati dai commenti imbecilli di chi accetta le provocazioni (a mio avviso altrettanto deplorevoli) e che vuole minimizzare l’attività altrui. Si può avere idee diverse e discuterne civilmente ma ciascuno è libero di praticare l’alpinismo che vuole, dove vuole e come vuole.
    Dunque, tralasciando i fanfaroni, un bravo a Marco per la bella salita e per le belle foto che mi hanno fatto tornare alla mente questa bellissima via (per nulla “ordinaria”) percorsa ormai 20 anni fa.
    M.B.

  3. Non mi sembra che lei, caro signore , lo scorso anno fosse tra i più tolleranti nell’accettare l’altrui idea di alpinismo, un’idea diversa dalla Sua. Mi pareva anzi di ben differente opinione. Com’è che ora si fa paladino della tolleranza?
    RinnovandoLe l’antipatia che nutro nei Suoi confronti, La saluto

    • Caro, Riccardo jr (firmati con il cognome altrimenti sei come l’anonimo), io difendo con forza le mie convinzioni come è giusto che sia ma so qual’è il limite dell’educazione e della decenza. Soprattutto lo faccio argomentando e senza pensare alla fine di detenere il verbo assoluto come spesso dai l’impressione di fare tu, che invece di limitarti a godere del bel post non hai perso l’ennesima occasione di tirare in ballo le solite polemiche. Poi c’è l’imbecille che abbocca, certo, ma è il solito rissoso di turno stimolato dal provocatore. Io invece non ti rinnovo la mia antipatia perchè non ti conosco e dietro la tastiera si fa in fretta a diventare antipatici. Rinnovo invece l’invito a scalare insieme una volta o l’altra.
      Cordialmente
      Marco Blatto

      • Come già Le scrissi lo scorso anno, quando lei auspicò un incontro al biollè:” comincio a prepararmi all’incontro.”anzi, è da allora che sono pronto, ma cosa vuole che scali uno come me? Un letamaio al più.
        riccardo argentero arzignano VI

  4. Tutto ‘sto bordello per la Kuffner? E’ una bellissima salita che richiede un certo impegno, sono in tanti a salirla ma sono di più quelli che non la salgono, per cui bravo Marco ora ti aspettano le vie della Brenva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...