Quinseina

L'arrivo

Di nuovo in cima alla Quinseina!

Assieme a Varnia ci dirigiamo decisi verso la Quinseina, perchè da sotto si capisce che qui inspiegabilmente la neve inizia già a 1200m. Si capisce? Effetti allucinogeni? Avvicinandoci è tutto asciutto e di neve non se ne vede neanche sui fianchi della montagna. Beh, va beh, è un esperimento il nostro… poi sono tutti capaci a sciare se c’è la neve  – dice Jcr. Io sono un po’ perplesso, ma l’esperto continua asserendo che è come con le ragazze, non le puoi trovare sempre tutte belle. Tralascio i dettagli perchè la logica si fa davvero complessa.

Ma veniamo all’azione fluida e decisa della giornata! Messi gli sci a spalle sopra Santa Elisabetta cominciamo a girare per una mezz’ora attorno alla montagna per vedere se casomai la neve s’è nascosta. Se s’è nascosta s’è nascosta bene, perchè non la troviamo. Nella foga sperimentale del momento decidiamo di provare persino a salire per vedere se con la quota la neve appaia. Le cose migliorano sorprendentemente. Diamine, saperlo subito, ma chi lo andava a immaginare…

L’aspetto interessante è che la neve è completamente trasformata, primaverile, complice il caldo dell’anticiclone subtropicale Varnia, una struttura così potente che pare durare almeno fin verso Natale.

Per peggiorare un po’ la situazione sotto la cima decidiamo di attraversare verso la punta settentrionale, ma veniamo fermati dai resti di una enorme valanga di fondo, che ha lasciato il prato scoperto. Ci portiamo sulla vetta poco oltre la croce della cima meridionale. La vista è straordinaria, fa caldo e tra le condense che affliggono la pianura spuntano radi edifici metropolitani, mentre tutto quel che può riflettere il sole scintilla, umiliando le dense foschie padane.

Prendo il sole, il the e il piacere di essere qui nel sole della breve giornata invernale. Poi con calma mi spello.

La discesa? Fantastica sotto la vetta, la parte più ripida è su una piacevolissima neve primaverile. Man mano che si scende il manto bianco è così scarso che occorre girare tra i sassi, fin quando, poche centinaia di metri sopra la strada, ci sono solo più sassi. A conti fatti è stata un’ottima giornata: gran sole, mitezza, neve perfetta (dove c’è), una montagna carina e panoramica.

Alba

L’alba

Nel sole

Il primo sole comincia a scaldare la pianura

Una bella montagna

Una bella montagna

Ancora un poco...

Ci siamo quasi…

Saluti di vetta

Saluti di vetta

Pianura torinese

Un bell’ambientino in cui riposarsi un attimo

Siamo alla fine...

Beh… alla prossima!

Le Jcrfoto qui!

Grazie a Jcr che ha creduto in questa giornata e nella montagna che può essere bella e divertente anche senza una polvere da urlo!

Annunci

2 thoughts on “Quinseina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...