Punta Lunella

Dove andiamo?

Dove andiamo oggi?

Un po’ difficile svegliarsi che è ancora buio e nell’umido crepuscolo mattutino di ottobre partire in solitudine verso una nuova meta. Però c’è da sfruttare l’ultima occasione prima che la strada di Malciaussia chiuda per il nuovo inverno!

Purtroppo salendo noto che quest’anno – visti i primi freddi esagerati? – la strada è già chiusa. Allora invento una passeggiata che mi manca da tempo: la Punta Lunella! Sono circa ventiquattro anni che non ci torno, ma, come dice una canzone «i desideri non invecchiano quasi mai con l’età».

Così, per una volta salgo verso il Colle delle Lance e la Pala Rusà senza neve. Negli ultimi anni, dopo la chiusura degli impianti, questo luogo è diventato un itinerario classico dello scialpinismo invernale, polveroso e mordi&fuggi. Di quelli che a mezzogiorno sei già a casa e porti ancora a spasso il cane.

Non fa freddo nella limpida mattina a Benot, solo la brezza di monte è un po’ fastidiosa. I primi raggi di sole illuminano già la Punta Lunella. Io invece il sole lo trovo solo presso il Colle delle Lance, perchè siamo in pieno nord.

Quest’anno abbiamo dovuto aspettare un po’, ma finalmente l’estate è arrivata. Si sta bene tutto il giorno in maniche corte! Supero la Pala Rusà e dopo una breve discesa continuo lungo la cresta est della Lunella. Prevalentemente erbosa, con appena qualche roccetta semplice qua e là, volendo aggirabile sul pendio meridionale. Un solo salto roccioso poco prima della vetta si aggira pochi metri verso sud, per poi tornare immediatamente a est.

Fa caldo, ma i colori sono già autunnali, e l’aria è quella calma e silenziosa di ottobre. Ottobre è il mese più colorato dell’anno e nella limpida atmosfera ogni dettaglio assume un sapore particolare. Le coperture nuvolose a bassa quota tipiche di questo mese non ci sono, ma alcune nuvole risalgono i fianchi della Val Susa, spingendosi fino in cima con un fastidioso vento. Per questo non mi fermo molto su questo fantastico belvedere, dove il panorama è fantastico. Il Delfinato pare a due passi. Il Monviso gioca in controsole con alcuni batuffoli nuvolosi. Il Monte Rosa abbaglia la vista con i suoi ghiacciai, il Gran Paradiso e tutto il gruppo sono lì vicini sull’orizzonte nord. Tanto sole e tanto silenzioso piacere invitano ad un riposo contemplativo.

Perchè non provare un giro ad anello? Scendo lungo il versante nord, dove la traccia pare scabrosa, ma ben segnalata. Inizialmente avevo scartato questa soluzione, intimorito da verglas e freddo. Ma fa così caldo che non ha gelato nemmeno a queste quote, nonostante la notte serena.

La discesa avviene in un terreno esposto, su rocce rotte. La traccia sarebbe impossibile da seguire se non ci fosse un segnavia eccellente. Si supera anche un giacimento d’amianto fibroso. Una breve gradinata pare indicare che questo itinerario non sia un’invenzione recente. Anche alcune incisioni presenti su pareti molto esposte indicano frequentazioni di secoli fa. Ricordano quelle del Vallone del Ru, anche là su terreno infido che non lascerebbe immaginare altro che stambecchi e aquile.

E rieccoci al sole, dove continuo la discesa sull’ora ampio ed erboso costolone nord della montagna. Fino ad arrivare finalmente al laghetto degli impianti dove, individuata una buona pietra, mi addormento al sole. Che bello il sole di ottobre! Che bella una giornata come questa!

 

Si parte

Ecco la Punta Lunella da Benot, proprio dove si parte.

Alba

Il sole arriva improvviso nel paesino

Luci

Salendo alla Pala Rusà, la prima parte dell’itinerario, il sole riesce a sfiorare solo le punte dei larici ormai colorati d’autunno.

Pala Rusà

Un punto di vista dalla Pala Rusà

Lunella - cresta est

Quel che resta da salire: la lunga cresta est. La Lunella è la vetta più a destra.

esplosione

Pericoli oggettivi della montagna. Guai passare mentre il fungo sta esplodendo!

Pala Rusà

Pala Rusà, una gran classica dello scialpinismo invernale (sul versante opposto…)

Rocce Maritano

Foschie della pianura oltre le Rocce Maritano

Punta Lunella

Quasi arrivati!

Nuvole

Nuvole spumeggianti

Delfinato e Val di Susa

Val di Susa e Delfinato

Monviso

Monviso

Ciamarella and friends

Bessanese, Albaron e Gruppo della Ciamarella

Rocciamelone

Rocciamelone

Vetta!

Vetta!!

Gli Antichi

I segni degli Antichi!

Mauvais pas

Un mauvais pas della discesa sul roccioso versante nord, agevolato da una scaletta di pietre.

Discesa

E rieccoci in vista dell’ampio vallone che porta a Benot

Torre d'Ovarda

La Torre d’Ovarda

Fungo

Vi saluto con un fungone tirato a lucido!

Annunci

2 thoughts on “Punta Lunella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...