Quarantesimo al Bec Raty

40° al Bec Raty

Arrampicata di spigolo

Rieccoci sul Bec Raty, il famoso paretone di serpentinite rossa della Valle di Champorcher, sull’ultima delle vie nate: la Quarantesimo.

Il Bec Raty era un tempo considerato piuttosto repulsivo per le sue vie assai severe, su roccia non sempre solida. Una parete alta fino a 400m che si spegne in un trionfo di pascoli e dolci declivi, il cui contrasto rende piacevole la fine dell’arrampicata. Ancora oggi sono famose alcune vie tradizionali, come la più semplice via delle placche, o il temibile Sperone centrale (leggete questo racconto di Lucio dal Buono). Proprio nei pressi di questo settore è stata ricavata la via del Quarantesimo. Lungo la salita è possibile trovare chiodi datati, probabile traccia di altre vie che quest’ultima incrocia. Una constatazione che forse ormai sul Raty si è giunti alla saturazione di possibilità.

La via di oggi è molto bella, anche se non mi è congeniale: molto verticale, di forza. La relazione dice 5a, salvo poi indicare tratti di 5+ e uno 5/A0 o chissachè. Non posso dare una valutazione verosimile perchè per me, che non riesco nemmeno a sollevare il mio peso, un IV verticale è già almeno 6a. In ogni caso – saranno contenti Sgubin e soci coautori – la salita piace non solo a noi, ma a tantissimi a giudicare dell’affollamento! La via è protetta bene in ottica di montagna, in ogni caso le possibilità di integrazione sono semplici.

L’attacco è molto vicino alla strada, non più di quindici minuti. Giovanni e Ziano saliranno la via nei tempi consoni, io mi attarderò con GFB lasciando passare tutti. Per quanto riguarda l’orientamento, attenzione solo al quinto tiro: lo schizzo sembra indicare a sinistra, ed uno spit ispira un deciso traverso, che però ci abbandona su una pietraia scomoda e pericolosa. Meglio salire diritti, dove infatti si trova poi una sosta.

La parete è spettacolare, un ambiente selvaggio e attraente, dove non di rado si scorge il volo di qualche aquila reale. Il penultimo tiro sembra assai complicato, ma c’è un unico punto davvero difficile dove l’A0 è stato previsto – siamo grati a chi ha aperto la via così! – e all’occorrenza risulta agevole.

Su in cima – dopo la fatica e dopo aver tirato in ogni modo il socio che, non volendo più salire è resistito anche al paranco agganciandosi al fiffi – un tramonto fantastico mette in pace con questa lunga, ma limpida e calma giornata.

40° al Bec Raty

Eccoci all’inizio

40° al Bec Raty

Le prime lunghezze

40° al Bec Raty

Suggestivi tratti superiori

40° al Bec Raty

Un tipo eccentrico

40° al Bec Raty

I grandi diedri

40° al Bec Raty

Il tratto difficile (penultima lunghezza)

40° al Bec Raty

E` il tramonto e GFB non arriva ancora…

40° al Bec Raty

Nebbie serali

40° al Bec Raty

In cima al Bec Raty

40° al Bec Raty

Ultima luce

Annunci

One thought on “Quarantesimo al Bec Raty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...