Storie di fantasmi

Rieccoci alle canzoni da primo novembre! Il ricordo dei cari, il mito delle anime che rivivono trascende religioni e culture, diventa un elemento popolare che affonda in origini remote e misteriose.

Sarà vero che l’anima muore; ma è altrettanto vero che le ingiustizie subite in vita riecheggiano dal passato nelle anime dei vivi, per non dimenticare. Per riconoscersi. Quando sei senza consolazione, senza conforto, allora ascolta. Sentirai le loro voci.

Un giorno parleremo della Ballata degli annegati, di Guccini. Oggi vi riporto We are alive, di Bruce Springsteen. Il video è di Francesco Puglioli.

Il testo tradotto è tratto dal sito Loose Ends.

C’è una croce lassù sulla collina del Calvario
C’è una traccia di sangue su un coltello d’argento
C’è un cimitero laggiù, ragazzo
Dove la notte i morti prendono vita
Beh lassù le stelle crepitano e bruciano
Dalla luna dell’uomo morto si irraggiano sette aloni
Appoggiavamo le nostre orecchie sulle fredde lapidi
Questa è la canzone che cantavano

Siamo vivi
E sebbene i nostri corpi giacciano soli qui nel buio
I nostri spiriti sorgono
Per portare il fuoco e accendere la scintilla
Una voce gridò: Sono stato ucciso nel Maryland nel 1877
Quando quelli che lavoravano alle ferrovie scioperarono
Io sono stata uccisa nel 1963
Una domenica mattina a Birmingham
Io sono morto l’anno scorso attraversando il deserto meridionale
Ho lasciato i miei figli a San Pablo
Beh, loro hanno lasciato i nostri corpi qui a decomporsi
Per favore diteglielo

Siamo vivi
E sebbene noi giacciamo qui soli nel buio
Le nostre anime sorgeranno
Per portare il fuoco e accendere la scintilla
Per combattere spalla a spalla e cuore a cuore

Fai riposare la tua mente
Dormi ben amico mio
Sono solo i nostri corpi ad averci tradito alla fine
Beh mi sono svegliato l’altra notte nel profondo buio e sognante
Dalla testa ai piedi il mio corpo era freddo come la pietra
C’erano vermi che strisciavano intorno a me
Le mie dita grattavano un terreno nero e profondo sei piedi

Da solo nell’oscurità della mia tomba
Da solo e lasciato a morire
Poi ho sentito voci che chiamavano tutto intorno ame
Il terreno si è sollevato
I miei occhi si sono riempiti di cielo

Siamo vivi
E sebbene i nostri corpi giacciano qui soli nel buio
Le nostre anime e i nostri spiriti sorgeranno
Per portare il fuoco e accendere la scintilla
Per combattere spalla a spalla e cuore a cuore
Per resistere spalla a spalla e cuore a cuore
Siamo vivi

Annunci

One thought on “Storie di fantasmi

  1. …un signore che avrà cura di voi…

    . .Please allow me to introduce myself
    I’m a man of wealth and taste
    I’ve been around for a long, long year
    Stole many a man’s soul and faith
    And I was ‘round when Jesus Christ
    Had his moment of doubt and pain
    Made damn sure that Pilate
    Washed his hands and sealed his fate

    Pleased to meet you
    Hope you guess my name
    But what’s puzzling you
    Is the nature of my game

    I stuck around St. Petersburg
    When I saw it was a time for a change
    Killed the czar and his ministers
    Anastasia screamed in vain
    I rode a tank
    Held a general’s rank
    When the blitzkrieg raged
    And the bodies stank

    Pleased to meet you
    Hope you guess my name, oh yeah
    Ah, what’s puzzling you
    Is the nature of my game, oh yeah

    I watched with glee
    While your kings and queens
    Fought for ten decades
    For the gods they made
    I shouted out,
    “Who killed the Kennedys?”
    When after all it was you and me

    Let me please introduce myself
    I’m a man of wealth and taste
    And I laid traps for troubadours
    Who get killed before they reached Bombay

    Pleased to meet you
    Hope you guessed my name, oh yeah
    But what’s puzzling you
    Is the nature of my game, oh yeah, get down, baby
    Pleased to meet you
    Hope you guessed my name, oh yeah
    But what’s confusing you
    Is just the nature of my game

    Just as every cop is a criminal
    And all the sinners saints
    As heads is tails
    Just call me Lucifer
    ‘Cause I’m in need of some restraint
    So if you meet me have some courtesy
    Have some sympathy, and some taste
    Use all your well-learned politesse
    Or I’ll lay your soul to waste, um yeah

    Pleased to meet you
    Hope you guessed my name, um yeah
    But what’s puzzling you
    Is the nature of my game, um mean it, get down
    Ooo, who
    Oh yeah
    Tell me baby, what’s my name
    Ooo, who…
    Tell me baby, what’s my name…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...